Il CBD: un rimedio per la psoriasi

CBD_rimedio_psoriasi

CBD e psoriasi: qual è il rapporto?

Il CBD è associato a molteplici proprietà, alcuni delle quali hanno già alcuni studi scientifici a supporto e altre che si basano esclusivamente su prove aneddotiche. Il potenziale del CBD per il trattamento della psoriasi è una delle aree in cui questo cannabinoide ha già avuto alcune ricerche incoraggianti. Così, una promettente ricerca iniziale, combinata con numerose esperienze che hanno dato buoni risultati, incoraggia più persone a provare il CBD per aiutare con la loro psoriasi. Ma come funziona? 

Cos’è il CBD

Prima di entrare nel rapporto tra CBD e psoriasi, è bene prendersi il tempo conoscere in maniera più approfondita questo discorso. Il CBD sta per cannabidiolo ed è un cannabinoide, tra i principali composti attivi presenti nella pianta di cannabis. 

principi_attivi

Il CBD è associato a una serie di potenziali benefici ed è comunemente usato come parte dei trattamenti a base di marijuana medica. Il CBD non è psicoattivo ed è legale in Italia, a condizione che contenga meno dello 0,5% di THC. 

Cos’è la psoriasi

psoriasi_mani

La psoriasi è una malattia genetica e autoimmune che coinvolge il sistema endocannabinoide. In una persona sana, le cellule della pelle vengono sostituite ogni 30 giorni. Per quelle affette da psoriasi, questo processo è accelerato e si verifica invece ogni tre o cinque giorni. Questa è una differenza significativa, che porta a una crescita rapida ed eccessiva dello strato epidermico della pelle. Quella crescita porta a macchie squamose, pruriginose e rosse. In alcuni casi la psoriasi si presenta in tutto il corpo, mentre altri è localizzata solo in determinate aree. 

Gli esperti ritengono che sebbene la psoriasi sia una malattia genetica e autoimmune, i fattori ambientali possano contribuire alla sua manifestazione. Tra questi, i fattori di stress psicologici e corporei, infezioni, farmaci, traumi, raffreddore, il fumo, l’abuso di alcool e una cattiva alimentazione. Non esiste una cura definitiva per la psoriasi, ma alcuni trattamenti possono controllare i sintomi. 

La connessione con il sistema endocannabinoide

La connessione tra il CBD e psoriasi avviene tramite il sistema endocannabinoide. Ciò deriva dal fatto che il sistema immunitario fa parte del meccanismo sottostante della psoriasi. La ricerca ha scoperto che il nostro sistema endocannabinoide si lega costantemente alle molecole di messaggistica che fanno parte del sistema immunitario. Questo messaggio regola una serie di funzioni fisiologiche primarie. Alcuni dei ruoli più cruciali del sistema endocannabinoide sono il controllo dell'equilibrio, differenziazione, proliferazione, morte e tolleranza delle cellule, che si applica alle cellule della pelle. 

Gli scienziati stanno acquisendo una comprensione più profonda di come i cannabinoidi naturali nel nostro sistema, così come quelli sintetici o botanici, si legano al sistema immunitario. Esistono quattro meccanismi biochimici: apoptosi cellulare, soppressione della produzione di citochine, riduzione dei globuli bianchi e inibizione della proliferazione cellulare. Come sfondo, le citochine sono i principali segnali chimici del corpo per l'infiammazione. Le cellule immunitarie le secernono quando sono sotto stress. Grazie a queste connessioni, gli scienziati ritengono che il sistema endocannabinoide abbia il potenziale per influenzare il modo in cui si sviluppano le malattie della pelle.  

Il rapporto con lo stato infiammatorio

Un altro aspetto della connessione tra CBD e psoriasi deriva dalle proprietà antinfiammatorie dei cannabinoidi. In quelli con psoriasi, il derma è infiammato, il che fa maturare prematuramente le cellule della pelle, provocando la rottura del tessuto cutaneo e il dolore. 

Vari studi negli ultimi anni hanno dimostrato che il CBD ha probabilmente proprietà antinfiammatorie. Una revisione del 2010, ad esempio, ha suggerito che puntando al recettore CB2 nel sistema endocannabinoide, potrebbe essere possibile trattare malattie autoimmuni e infiammatorie. Dato che il CBD si lega a questo recettore, esiste una chiara connessione tra CBD e il potenziale per curare la psoriasi. Questo perché la psoriasi è una malattia autoimmune, oltre che infiammatoria. 

Sebbene non sia correlato alla psoriasi, uno studio sull'acne e il CBD ha dimostrato l'effetto antinfiammatorio dei cannabinoidi. La ricerca ha scoperto che il CBD rallenta la produzione lipidica in eccesso che si verifica sotto la pelle con l'acne, insieme alla soppressione della proliferazione cellulare. 

Altre ricerche rilevanti

Gli esperti indicano anche uno studio del 2007 che indica che i cannabinoidi potrebbero aiutare a fermare l'accumulo di cellule della pelle, trattando così la psoriasi. C'è stato uno studio più recente del 2017 che ha utilizzato JWH-133, un cannabinoide sintetico, e ha dimostrato che potrebbe essere promettente nel trattamento della psoriasi. Una revisione del 2019 ha confermato che i cannabinoidi potrebbero avere il potenziale per trattare la psoriasi, ma ovviamente è necessario approfondire le ricerche. 

Le varie ricerche che dimostrano che il CBD può aiutare con la gestione del dolore sono rilevanti anche per chi soffre di psoriasi poiché questa condizione della pelle è spesso associata al dolore. In effetti, la connessione tra CBD e dolore è così forte che il sollievo dal dolore è tra i motivi più comuni per cui le persone usano la marijuana medica. 

Come usare il CBD per la psoriasi

Esistono molti metodi per assumere il CBD, tra cui l’olio di CBD, ingerendolo per via orale e applicato localmente. In commercio ci sono anche varie creme e lozioni che contengono CBD per rendere più facili l’applicazione topica. Questa applicazione dovrebbe funzionare grazie al fatto che le cellule della pelle contengono recettori cannabinoidi (in questo caso i CB2), proprio come le altre cellule del corpo. 

L'utilizzo di prodotti topici a base di canapa e CBD è uno dei metodi più popolari per trattare la psoriasi in quanto consente di focalizzarsi sull'area interessata. È possibile anche assumere il CBD in un altro modo, dato che il corpo sarà ugualmente in grado di utilizzarlo. 

I risultati

Le prime ricerche, insieme a prove aneddotiche, suggeriscono che il CBD può aiutare a ridurre i sintomi della psoriasi. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la psoriasi è una malattia infiammatoria influenzata dal sistemi immunitario ed endocannabinoide, con cui il CBD interagisce tramite il recettore CB2, combinato con le proprietà antinfiammatorie del CBD. La ricerca è ancora nelle fasi iniziali e la ricerca sul CBD e sulla psoriasi in particolare è minima. 

Anche così, le promettenti ricerche iniziali e i resoconti personali combinati con il rischio incredibilmente basso di effetti collaterali associati al CBD lo rendono un'opzione interessante da provare per chi soffre di psoriasi. Ovviamente è sempre bene e importante consultare il medico prima di usare il CBD, per assicurarsi che non ci siano interazioni con altri farmaci. Se stai attualmente assumendo farmaci per la psoriasi, dovresti discuterne con il tuo medico prima di interrompere l'assunzione. 

 

Fonti

Cannabinoids inhibit human keratinocyte proliferation through a non-CB1/CB2 mechanism and have a potential therapeutic value in the treatment of psoriasis

Cannabinoids: Possible agents for treatment of psoriasis via suppression of angiogenesis and inflammation

A therapeutic effect of cbd-enriched ointment in inflammatory skin diseases and cutaneous scars