Cos’è la lana merino e quali sono le sue caratteristiche

La lana merino o merinos è una fibra naturale molto pregiata che si ottiene dalla tosatura di specifiche pecore, quelle di razza Merinos. Dato che il vello della pecora Merinos è composto di peli molto fini, morbidi e arricciati, la lana che se ne ricava è caratterizzata da finezza e morbidezza. 

Principali vantaggi e caratteristiche della lana merino:

  • è anallergica e non pizzica e non irrita la pelle;
  • è antibatterica e non assorbe i cattivi odori, per cui si può lavare raramente;
  • isola sia dal freddo (inverno) che dal caldo (estate);
  • mantiene freschi attraverso un’azione traspirante anche con temperature più alte;
  • non si sforma e non sgualcisce;
  • protegge naturalmente dal sole con una protezione fino a 50 (a seconda della densità e della trama);
  • non si carica elettrostaticamente (a differenza dei materiali sintetici).

Perché usare la lana merino

La lana merino non è un tessuto da utilizzare solamente con le temperature basse: risulta infatti traspirante e termico allo stesso tempo, adatto anche all'estate.

Questo è dovuto sempre alle caratteristiche delle fibre di questa particolare lana, che risultano arricciate con una struttura ondulata: questo fa sì che le fibre siano sempre lontane l’una dall’altra, permettendo la formazione di una camera d’aria in grado di intrappolare e trattenere il calore corporeo. Questa struttura inoltre riduce il contatto tra la lana e la pelle, contenendo la dispersione di calore. L’aria, che è un cattivo conduttore di calore, che viene intrappolata tra le fibre, riduce lo scambio termico tra pelle e materiale, accumula il calore del corpo e crea l’effetto isolante con l’esterno.

Nelle stagioni intermedie, come l’autunno e la primavera, uno strato sottile di lana permetterà al nostro corpo di isolarsi e mantenere la temperatura costante; in inverno invece, basterà aumentare gli strati di lana, per aumentare il calore, esattamente come succede in natura: il vello delle pecore estivo è più sottile e permette loro di sopportare il caldo; al contrario, d’inverno, lo strato di pelo è più lungo permettendo di proteggere l’animale dal freddo, regolando la temperatura corporea e proteggendo dalle intemperie.

Perché la lana convenzionale irrita, mentre la lana merino è piacevole e morbida sulla pelle?

La fibra merino ha uno spessore medio di soli 16,5-24 micron, a differenza di quella della lana di pecora convenzionale che ha uno spessore fino a due volte maggiore (per confronto i capelli umani risultano di un diametro pari a circa 30 micron). La soglia di sensibilità umana è di circa 25 micron, quindi quando delle fibre più grandi vanno a contatto con la pelle possono causare irritazioni. Invece, essendo le fibre merinos più sottili, non danno la stessa percezione di sgradevolezza al contatto con la pelle.

Lana merino: uno dei migliori tessuti anti-odore

Un’altra principale caratteristica di questa lana è essere anti-odore.

Questo succede in primis per via della sua superficie irregolare, “a squame”, quasi come un tetto a tegole, su cui i batteri non riescono a proliferare, al contrario di quello che accade con le fibre sintetiche, che presentano una superficie liscia. Inoltre, le fibre di merino hanno la capacità di assorbire l’umidità sotto forma di vapore acqueo prima ancora che si sia condensata come sudore sulla superficie della pelle.

Meno batteri, meno sudore, meno cattivi odori!

Non ultima è anche la potenzialità di “autopulente” naturale che rende questa particolare lana antiodore. Questo avviene per due motivi ben precisi:

  • alla cheratina, ovvero la proteina della lana, che combattere e distrugge i batteri che causano cattivi odori
  • alla composizione del nucleo della fibra, che è formato da due diversi tipi di cellule che sono in grado di assorbire differenti quantità di umidità, per cui si gonfiano in modo differente; tale processo genera un attrito e una sorta di “pulizia meccanica”.

Ecco perché i capi in lana merino non necessitano di essere lavati tanto spesso, a volte può essere sufficiente farli a fare un “lavaggio d’aria”, ovvero stenderli semplicemente all’aria aperta.

Lavaggio e pulizia

L’abbigliamento in lana merinos, così come quello in lana tradizionale, non necessita di lavaggi frequenti: come appena detto, basta esporre all’aperto e all’aria (preferibilmente umida) il capo e lasciare che entri in funzione la sua capacità autopulente.

Da dove proviene la lana merino By Basics?

By Basics utilizza una lana merino pregiata e di alta qualità proveniente dall'Australia e dalla Nuova Zelanda. Il filato, certificato, proviene da pecore trattate adeguatamente e è quindi mulesing free.

Ogni capo è realizzato senza l'uso di sostanze chimiche nocive né coloranti che inducono allergie.

Che differenza c'è tra lana e lana merinos?

Come già detto, la lana ottenuta dalle pecore Merinos è eccezionalmente fine e morbida, data la qualità della sua fibra fine, morbida e arricciata, a differenza della lana convenzionale che è ispida e pizzica, causando anche irritazioni cutanee.

Che differenza c'è tra lana merinos e cashmere?

La lana merino si ottiene dalla tosatura delle pecore Merino; il cachemire invece si ottiene da un’altra tipologia di capra, originaria del Kashmir, denominata Hircus.

Il cashmere risulta poi un tessuto più delicato, ha bisogno di maggiori cure nell’utilizzo e nel lavaggio (se ne consiglia un lavaggio a mano infatti); la lana merinos è invece più resistente e può essere lavata anche in lavatrice, quando strettamente necessario, impostando un lavaggio delicato a 20°C e con specifici detersivi per capi delicati.

 

Torna al blog

Riceverai il 10% di sconto sul tuo primo ordine!

Iscriviti qui

* campo richiesto

Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Intuit Mailchimp